DEFINIRE LA MUSICOTERAPIA

IL MODELLO PSICODINAMICO

La musicoterapia è una professione nella quale ci si propone di prendersi cura della persona attraverso esperienze musicali condivise e co-costruite. Viene utilizzato il canale sonoro-musicale come principale veicolo per costruire e sviluppare la relazione con l’altro; nella relazione, e attraverso la relazione stessa, ci si propone quindi di prenderci cura dei bisogni del paziente.
La musicoterapia psicodinamica trova fondamenti teorici nella psicoanalisi e nelle teorie dell’intersoggettività, ha un approccio di tipo attivo e il paziente quindi si ritrova a suonare con il musicoterapeuta partecipando attivamente all’esperienza musicale. Durante una sessione di musicoterapia lo strumento principale è proprio l’improvvisazione clinica che permette all’utente e al musicoterapeuta di costruire e instaurare un canale comunicativo a partire da quanto succede nella relazione. Il paziente, che non deve avere necessariamente competenze musicali, non deve imparare nulla ma può sperimentare il contatto con l’altro sentendo e rendendosi conto che qualsiasi dichiarazione, i suoi suoni, i suoi movimenti o i suoi contenuti interni portati ed espressi, possono assumere un significato.
Ci si rivolge spesso a persone con difficoltà per le quali talvolta, sentire un suono all’interno di un dialogo sonoro o percepire una risposta a una proposta musicale, favorisce e innesca un processo espressivo non indifferente. Ad esempio per un paziente che ha difficoltà nell’espressione verbale, sperimentare la comunicazione attraverso un canale diverso può senz’altro metterlo in una posizione in cui la sua soggettività può emergere e può trovare uno spazio relazionale.
Per un musicoterapeuta la musica riguarda inoltre tutti quegli aspetti relativi alla prosodia, l’intonazione della voce, il cambiamento del modo di approcciarsi allo strumento, la dinamica di un movimento e tutto ciò che di sonoro un paziente può portare durante una sessione. In un lavoro di questo tipo diventa fondamentale quindi dare valore all’unicità di ogni paziente, valorizzandone la sua identità e le sue peculiarità.

 

K. Bruscia, docente alla Temple University di Philadelphia (USA), 

definisce la musicoterapia:

"un processo sistematico di intervento ove il terapeuta aiuta il cliente a migliorare il proprio stato di salute, utilizzando le esperienze musicali e le relazioni che si sviluppano attraverso di esse come forze di cambiamento" (K. Bruscia, 1987).